Libro a Padre Vincenzo Soldavini

Intitolazione di una via e la realizzazione di un libro a Padre Vincenzo Soldavini

Alcuni anni fa, il presidente dell’UNITRE di Lonate Pozzolo ,già Cavaliere del Fiume Azzurro, il presidente dell’associazione predetta, Gianni de Tomasi, per personale conoscenza proposero allora amministrazione la intitolazione, alla memoria,  di una via al concittadine :padre Vincenzo Soldavini, missionario dehoniano in Mozambico deceduto nel 2007 in terra d’Africa per malaria, dopo quarant’anni di lavoro cristiano in quelle zone.

Ebbene dopo le consuete problematiche burocratiche, non è  facile inserire un nome nuovo nella toponomastica, si coinvolge una moltitudine di competenze, l’amministrazione attuale, siamo nel 2007, autorizza questa intitolazione per un nuovo parco recentemente realizzato: la piazzetta Sormani alle spalle dell’omonima ex-filanda.

Ci mettiamo in contatto col professor Bertolli importante storico locale, ma non solo, che con la collaborazione dell’architetto Jannello, raccoglie testimonianze, documenti tramite i familiari del padre, concittadini lonatesi, archivi dehoniani,ordine ecclesiastico a cui apparteneva. Col voluminoso materiale riunito, si mise in contatto con Noi, che dopo alterne vicende, abbiamo potuto dare  alle stampe.

Nel frattempo si prepara il luogo dove verrà posato un cippo con targa commemorativa dell’intitolazione.

Siamo a questo punto nell’aprile 2008, riusciamo a organizzare, una giornata dedicata totalmente all’importante  cerimonia.

Nella sala  Civica Bosisio nell’ex-monastero S.Michele alla presenza dei familiari di padre Vincenzo del Sindaco Gelosa , dell’assessore alla Cultura De Novara, dei padri dehoniani, del parroco, professor Bertolli e architetto Jannello autori del libro, i Cavalieri del Fiume Azzurro, dei rappresentanti delle Confraternite: Magistero dei Bruscitti di Busti, Accademia della Costina di Coarezza, di Rho a Tavola, accompagnati dal gruppo storico Saboya al gran completo, oltre ad un numeroso pubblico, si è ripercorso la vita e le opere di padre Vincenzo Soldavini con le spiegazioni degli autori e degli ideatori dell’iniziativa.

 In corteo ci si è portati nel luogo della cerimonia ove è avvenuta la scopritura e la benedizione. Nuovamente tutti  in corteo per le vie cittadine,  a far da cornice l’elegante carrozza d’epoca col tiro a quattro cavalli del signor Martignoni che molto gentilmente si è offerto per l’occasione, per la S.Messa officiata congiuntamente dai prelati presenti.

Al termine per coronare la giornata al ristorante Bertoni si è tenuto il pranzo preparatoci per  l’occasione dove è avvenuto una consegna di targhe donate dai Cavalieri del fiume Azzurro ai convenuti.

Successivamente, con l’impegno della signora Mirata è stata effettuata la vendita ad offerte con l’impegno di dedicare il ricavato alla costruzione di una farmacia nel Guruè, la zona dove padre Vincenzo aveva dedicato la sua vita fino alla morte e dove è stato sepolto.